Architetto dove vai?

L'architettura una disciplina tra arte e psicologia

Le opere degli architetti-artisti rispondono davvero alle esigenze degli utenti degli edifici? A questo tipo di progettazione si contrappone quella che parte dalla gente, dalle sue esigenze. David Canter suggerisce una collaborazione fra architetti e psicologi perché questi ultimi possono offrire importanti informazioni sugli effetti della percezione visiva degli edifici.

Articolo completo si trova nell'edizione 10 del 1998 alle pagine 52 -53.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura®

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.