II campo morfico

Le profonde radici dei luoghi

Il biochimico Rupert Sheldrake, pioniere della New Science, ha recentemente introdotto le nozioni di “campo morfico” e di “causazione formativa”, che potrebbero trovare nell’interpretazione dei luoghi e delle opere architettoniche una applicazione appropriata, aiutando gli architetti a entrare in sintonia con quella che egli definisce “la rinascita della natura”.
Il grande vantaggio di questo metodo è di combattere alla base due caratteristiche del pensiero architettonico attuale: il carattere logocratico e la sua tendenza all’omologazione che ignora le differenze e vorrebbe cancellarle come residui del passato.

Articolo completo si trova nell'edizione 17 del 2000 alle pagine 4 - 7.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura®

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.