Un posto al sole

L'importanza di chiamarsi energia

Le illustrazioni mostrano l'ostello a Windberg (D) di Herzog e Bonfig, caratterizzato da materiali poveri, pareti finestrate a sud con schermature per l'estate, parete a nord con aperture ridotte e cappotto in stecche di larice. L'interesse dell'autore ad un uso saggio delle risorse energetiche, alle potenzialità dell'energia solare e allo studio dei venti, risulta evidente nel progetto di Solar-City (per 25.000 abitanti a Linz in Austria). H. insiste molto sulla formazione degli architetti relativamente agli aspetti bioclimatici.

Articolo completo si trova nell'edizione 19 del 2000 alle pagine 11-15.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura®

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.