La risorsa del limite

Un luogo dove la singolarità dell'essere umano è vista come sorgente e fine di tutti gli sforzi educativi

L’interesse per le interazioni tra oggetti e ambiente non va considerato solo come scambio di energia ma anche dal punto di vista degli effetti esercitati sui sensi umani (uso fisico, cognizione mentale, percezione sensoriale). Un esempio di questa impostazione è la Scuola Rodtegg di Lucerna per bambini disabili realizzata nei primi anni ’70 (arch. Otto Scharli, consulenza di Hugo Kukelhaus). Nota biografica su H. K. e un estratto del suo testo “Secondo l’ordine della vita”.

Articolo completo si trova nell'edizione 26 del 2001 alle pagine 6-9.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura®

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.