Oud e l'eterno provvisorio

In Olanda nei primi del ‘900, contestualmente alla “legge sulla casa” (Woningwet) del Governo olandese e la realizzazione dei quartieri semipermanenti, si manifesta l’esigenza di ricorrere ad elementi standardizzati per la costruzione di tali quartieri popolari.
La posizione di Oud a favore della standardizzazione sostiene anche che l’architetto contemporaneo deve assumere un ruolo da regista, cioè colui che mette in scena i prodotti di massa in un insieme architettonico.
Gli esempi da ricordare sono il quartiere Tusschendijken, il Siedlung Oud-Mathenesse e il siedlung Hoek van Holland.

Articolo completo si trova nell'edizione 41 del 2005 alle pagine 20 - 25.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.