Drago in città

I quartieri periferici di Milano vennero pensati e realizzati per essere autosufficienti, con adeguati collegamenti al centro e dotati di tutti i servizi, ma nella pratica non è stato così.
Nel 1999 il comune di Milano approvava una suddivisione amministrativa che, oltre al perimetro storico, individuava ulteriori nove zone da dotare di servizi in maniera da renderle complesse e articolate, incentivandone le caratteristiche di autonoma urbanità.

Articolo completo si trova nell'edizione 45 del 2005 alle pagine 12 - 15.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.