La sacralità dello spazio

Il Vastupuru - Samandala

In tutte le culture tradizionali, le forme architettoniche, le costruzioni adibite a differenti usi, dalla capanna al tempio, non sono altro che la rappresentazione dell'imago mundi: esse imitano la struttura dell’universo e rappresentano una cosmologia.
I confini delle architetture definiscono uno spazio che è qualitativamente distinto dall’ambiente circostante, fondato e misurato; secondo l’ottica indiana, costruire significa anche conoscenza specifica dello spazio e delle leggi che lo governano.
Il Vastupuru-Samandala è l’archetipo di ogni costruzione ed è rappresentato da un poligono quadrato al cui interno si colloca la figura di un uomo con le gambe piegate alle ginocchia all’altezza del bacino e con le mani congiunte al petto con un gesto di venerazione.
Spazio, tempo, ritmo e forma, tratteggiano in India i cardini dell’architettura, ancora oggi radicata nelle concezioni tradizionali della sacralità dello spazio.

Articolo completo si trova nell'edizione 50/51/52 del 2007 alle pagine 28 - 29.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.