Funivia segno urbano

La trasformazione di un oggetto obsoleto in luogo di memorie collettive

Una piccola cabina rossa di una funivia, utilizzata per anni ma ora divenuta un oggetto obsoleto, è stata trasformata in un dispositivo utile ad interpretare e indirizzare le energie presenti nel paesaggio.
L’oggetto diventa un segno della memoria che si trasforma in un gesto di bioarchitettura, un contributo all’ecologia dei segni e intervento catalizzatore di significati storici legati all’ambiente contemporaneo.

Articolo completo si trova nell'edizione 53 del 2008 alle pagine 18 - 19.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.