Editoriale - Per i palati moderni

L’urbanistica secondo San Tommaso D’Aquino

Secondo San Tommaso D’Aquino ci sono due modi coi quali una città può avere beni sufficienti: il primo è attraverso la fertilità del territorio, il secondo è con il commercio.
Una città il cui territorio circostante produce in abbondanza i beni necessari per sopravvivere, possiede un’indipendenza più piena rispetto a un’altra città che dipende dai suoi commerci con altri.
Inoltre, una città del genere risulta più sicura e più adatta ad una vita civile

Articolo completo si trova nell'edizione 82 del 2013 alle pagine 2 - 3.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 82 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.