L'arte dei muretti a secco o "la memoria vivificata dai gesti"

Terrazzamenti della Valstagna, laboratori di innovazione agronomica

Nel novembre del 2018 L'UNESCO ha iscritto l'arte dei muretti a secco nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell'umanità. La candidatura era stata presentata da otto paesi europei: oltre all'Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Nelle motivazioni si ricorda come i muretti a secco testimonino, dalla preistoria ai nostri giorni, i metodi usati per organizzare la vita e gli spazi lavorativi ottimizzando le risorse locali umane e naturali. Queste costruzioni dimostrano l’armoniosa relazione tra gli uomini e la natura e allo stesso tempo rivestono un ruolo vitale per prevenire le frane, le inondazioni e le valanghe, ma anche per combattere l’erosione del suolo e la desertificazione.

Articolo completo si trova nell'edizione 118 del 2019 alle pagine 6-11.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 118 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.