Nuovi paesaggi dell’apprendimento

Pedagogia e architettura si incontrano nel Ginnasio di Diedorf.

La scuola, per eccellenza luogo dell’apprendimento, si sta evolvendo nella sua configurazione architettonica. Sta assumendo nuove forme che superano la rigida trasmissione di contenuti didattici tra docente e studente. A questo modello è corrisposto fino ad oggi una conformazione dello spazio didattico incentrato sull’aula come cellula chiusa, i cui principali elementi di arredo sono la lavagna, la cattedra e i banchi. Attualmente la ricerca educativa evidenzia sempre più modalità di apprendimento diverse, finalizzate allo sviluppo di competenze che prevedono il coinvolgimento attivo dello studente che si muove e apprende in uno spazio fisico-relazionale molto più ampio. L’aula si relaziona agli altri ambienti della scuola, compreso lo spazio esterno che diventa un prolungamento dell’area didattica attraverso orti, giardini e spazi gioco.

Articolo completo si trova nell'edizione 120 del 2020 alle pagine 26-31.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 120 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.