Mongolia: gher, la casa mobile

Sin dai tempi più antichi, da quando i mongoli hanno cominciato a condurre gli armenti verso pascoli sempre nuovi la loro casa è stata la gher, una tenda costruita per resistere agli impetuosi venti e proteggere dal freddo pungente.
Nella gher, la struttura portante è interamente in legno coperto da due strati di pesante feltro a formare uno spazio circolare di circa 30 m, il tutto è smontabile e rimontabile in poco tempo.
Il gher possiede anche un significato simbolico con l’asse centrale che rappresenta l’axis mundi, la cupola rappresenta il cielo, i tappeti del pavimento rappresentano al terra.

Articolo completo si trova nell'edizione 46 del 2006 alle pagine 48 - 53.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.