Mongolia: voglia d'identità

Il monastero di Ganden, a Ulaan Baatar sembra essere oggi il simbolo della rinascita religiosa della Mongolia e di una spinta all’apertura e al recupero di una parte della propria tradizione popolare; questo recupero d’identità si può anche osservare a Kharkhorin, nell’immenso complesso di Erdene Zuu e a Baganuur.
Questa attitudine generale al recupero della tradizione e alla memoria storica ha portato negli ultimi decenni ad attribuire estremo valore all’arte e a tutto ciò che sia autoctono nel patrimonio culturale della nazione.

Articolo completo si trova nell'edizione 46 del 2006 alle pagine 54 - 55.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.