Scale universali

Il segno adattivo come prima regola progettuale

La progettazione sostenibile applica regole morfogenetiche tipiche della natura stessa: esistono vari strumenti geometrici, matematici, aritmetici per ottenere le “scale universali”, che poi possono essere applicate nella progettazione architettonica per rispondere a determinate esigenze ed aiutare l’architetto a rendere il suo progetto più efficiente ed armonioso. 
Probabilmente la regola più importante è la sequenza di Fibonacci: una ricursione aritmetica che forma un’operazione ripetuta con retroazione, che rappresenta le origini delle “scale universali”, poi applicate nella storia del disegno architettonico ma che oggi riconosciamo solo negli edifici storici, neoclassici o vernacolari.

Articolo completo si trova nell'edizione 61 del 2010 alle pagine 4 - 9.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 61 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.