Terra preta de índio

L’oro nero dell’Amazzonia

Terra preta, ossia terra nera, deriva dall’espressione portoghese “terra preta do índio” ed è un substrato del sottosuolo tipico del bacino amazzonico risalente all’epoca precolombiana che si distingue per il colore scuro e l’alto grado di fertilità dovuto alla presenza di materiale organico e carbone vegetale.
Tra i pionieri che hanno studiato le possibili applicazioni della moderna terra preta, in ambito agricolo e per la depurazione di aree inquinate, ci sono Haiko Pieplow, Alfons Krieger e Joachim Boettcher.
Quest’ultimo, insieme a Jörg Weber ha fondato Palaterra, un’azienda innovativa con sede nel distretto Renania Palatinato che produce la nuova terra preta .
L’aspetto più interessante di questo tipo di produzione tuttavia sta nella possibilità di essere integrata in un sistema a emissioni zero che comprende oltre al riciclo dei rifiuti e alla produzione di cibo, anche la generazione di energia e di acqua potabile.

Articolo completo si trova nell'edizione 94 del 2015 alle pagine 58 - 65.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 94 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.