Ridisegnamo Bagnoli da zona rossa a vasta area agricola

A trent’anni dalla dismissione, l’area di Bagnoli è ancora bloccata nelle bonifiche e non è ancora chiaro il suo futuro nonostante un grande concorso nel 1992 seguito, una decina di anni fa, da un altro concorso con un vincitore che però non potò a nulla. Ora si parla di rilanciare un nuovo concorso di idee, quasi per chiedersi: quale bonifica senza una vera idea di rigenerazione? Massimo Pica Ciamarra ha proposto che quest’area – che la Protezione Civile classifica come “Zona Rossa” dei Campi Flegrei – venga vista non in una ottica cittadina, ma nel quadro più ampio di “Napoli Città Metropolitana” e che quindi venga trasformata in una vasta area agricola con attività produttive connesse. A bagnoli non occorre uno smisurato parco pubblico ma un’area che possa portare l’agricoltura in città con significati ecologici e una diminuzione dei costi infrastruttural

Articolo completo si trova nell'edizione 117 del 2019 alle pagine 41.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 117 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.