Come clima comanda

Serve una nuova responsabilità del costruire

Oggi come in passato il cambiamento climatico non è che una delle componenti dell’evoluzione con la quale si stanno confrontando le società umane: in questo contesto globale si intrecciano e si evidenziano problemi ambientali (degradazione generalizzata degli ecosistemi), problemi economici (domanda crescente di certe risorse, materie prime e rarefazione di molte risorse naturali) e problemi sociali (aumento demografico a cui consegue necessità crescenti di risorse naturali).
L’insieme di questi fenomeni conduce ad ipotizzare un nuovo modello di sviluppo definito durabile o sostenibile.
A livello progettuale quindi occorre considerare che il ciclo di vita degli edifici dovrà confrontarsi con il cambiamento climatico e pertanto va orientato verso una maggiore attenzione all’ambiente, al contenimento delle risorse naturali e al recupero dei materiali.
Le città rappresentano le zone di vulnerabilità a causa della forte concentrazione di popolazione, risorse ed infrastrutture: nuovi elementi e concezioni spaziali dovranno essere sperimentati già dalle fasi progettuali.

Articolo completo si trova nell'edizione 115 del 2019 alle pagine 48 - 51.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 115 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.