Costruire flessibile

Configurazioni naturali per vincere la fatica

Costruire utilizzando strutture curve ed elastiche è una pratica antica quanto l’uomo: un’evoluzione di questa pratica consiste nello sfruttare il naturale comportamento elastico dei materiali anziché deformarlo attraverso procedure costose e laboriose.
Questa tipologia di costruzioni tuttavia ha un particolare svantaggio: l’elasticità delle strutture diminuisce nel corso del tempo e quindi decresce la capacità portante dell’edificio.
La ricerca condotta da Walter Klasz e la facoltà di Architettura di Innsbruck affronta questo specifico problema e si propone di sviluppare configurazioni in cui l’elasticità di piegatura viene utilizzata principalmente da strutture semplici le quali, inserite in una configurazione più complessa, garantiscono la sostenibilità a lungo termine dell’insieme.

Articolo completo si trova nell'edizione 100 del 2016 alle pagine 32 - 39.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 100 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.