Editoriale - Desideri genuini

Promesse ingannevoli e soddisfazioni effimere dell’economia globale

Una società come la nostra, che si basa sulla “sindrome consumistica”, è costituita di visioni di felicità dove il rovesciamento dei valori connessi alla durata degli oggetti lascia posto alla loro transitorietà.
Il valore della novità ha scacciato quello della durevolezza, in una logica che viene sempre più spesso applicata a qualunque tipologia di oggettistica, incrementando in ogni caso il mercato: cresce l’economia ma non di certo l’ecologia e la sostenibilità che tanto ricerchiamo.

Articolo completo si trova nell'edizione 61 del 2010 alle pagine 2 - 3.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 61 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.