Editoriale - No allo star system

“Un bel paesaggio una volta distrutto non torna mai più” (A. Zanzotto)

Le figure del fare architettura sono tre: Il progettista, il destinatario, il committente.
Tali figure rappresentano i ruoli attorno ai quali s’innesca il dibattito contemporaneo dell’architettura, che vorrebbe raggiungere l’obbiettivo del rinnovamento e dell’aggiornamento, e anche raggiungere l’equilibrio tra forma e funzione.
Le nostre amministrazioni comunali gareggiano per avere “architetture d’autore”, ma i risultati non riescono a soddisfare i bisogni delle nostre città, aumentano solo uno straniante eclettismo.
Si affidano incarichi agli esponenti dello star system, i quali trovano soluzioni architettoniche stupefacenti che divorano risorse in fase di realizzazione, di gestione, di manutenzione e non sono capaci di dare risposte reali ai veri bisogni della gente.

Articolo completo si trova nell'edizione 75 del 2012 alle pagine 2 - 3.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 75 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.