Antropizzazione sostenibile

Nuovi percorsi da individuare

Noi come “Bioarchitettura” dobbiamo oggi trasferire parte del nostro potenziale conoscitivo dalla pura e semplice bioarchitettura allo studio delle conseguenze di un’antropizzazione sempre meno sostenibile e delle reciproche influenze tra l’ambiente e l’uomo che vi è insediato.
In questa direzione molto abbiamo fatto, prima insieme a Ugo, Sasso e adesso con la “Fondazione di Bioarchitettura e Antropizzazione Sostenibile dell’Ambiente”.
Antropizzazione sì, ma sostenibile: il che significa inserire l’uomo in modo che il primo ne tragga il maggior beneficio possibile senza incidere sulle caratteristiche del secondo.

Articolo completo si trova nell'edizione 103 del 2017 alle pagine 2 - 3.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 103 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.