I piaceri di Vals

Leggerezza e dolore dell'architettura

L’architetto descrive in modo estremamente poetico e accattivante il suo processo progettuale, partendo dalle sue riflessioni sull’opera di Martin Heidegger “Costruire, abitare, pensare”. Il suo approccio parte dalle esperienze personali di spazi vissuti e conosciuti cercando di riutilizzarle nella progettazione nuova, ricreando armonie e sensazioni provate.

Articolo completo si trova nell'edizione 26 del 2001 alle pagine 44-45.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura®

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.