Opus incertum

Sin dalle origini della civilizzazione occidentale il modo più rappresentativo e duraturo di realizzare un solido e regolarizzato piano di calpestio è stato quello di eseguirlo con lastre di pietra di consistente spessore, posate direttamente sul suolo.
La tecnica pavimentale romana, proveniente dall’antica civiltà cretese, rimarrà in uso anche per tutto il medioevo: solo la cultura rinascimentale darà delle innovazioni nella concezione delle piazze e degli spazi collettivi, considerati come superfici altamente rappresentative, espressione di decoro urbano, oltre che di specifica destinazione funzionale.

Articolo completo si trova nell'edizione 42 del 2005 alle pagine 48 - 50.

Condividi

Abbonati anche tu alla rivista Bioarchitettura

Abbiamo diversi piani, trova quello che fa per te.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.