Massima complessità

Storie di villaggi sostenibili ad Auxerre, Francia

Come diceva Ernst Haeckel: “La naturalezza è l’ecologia, la semplice scienza delle relazioni”.
Questa scienza rappresenta il grado zero dell’ecologia che consiste nella relazione con l’abitante, ovvero la “partecipazione degli utenti” e raccoglie gli elementi della vita, del quotidiano.
Il modernismo vede gli abitanti come oggetti standard (definiti dalle statistiche), eppure essi sono tutti differenti tra loro, con un proprio carattere, una propria cultura, ecc….
La sostenibilità dei progetti architettonici è rivolta ad una ricerca architettonica “naturale”, la quale vede gli abitanti come esseri complessi con esigenze differenti.
Esistono vari esempi riguardo un’architettura ispirata a forme e a gruppi complessi, il cui obbiettivo è il benessere dell’uomo: in Francia a Caudry o Ecolonia, il quartiere Saint-Dizier, i progetti per Auxerre e Brichères.
E’ importante ricordare che il carattere ecologico di un’architettura rivolta ai quartieri, non è dato solo dalla tecnica e dalla tecnologia biocompatibile, ma innanzitutto dalla complessità dell’insieme, dall’espressione della varietà delle famiglie che compongono il villaggio.

Articolo completo si trova nell'edizione 60 del 2009 alle pagine 4 - 15.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 60 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.