Editoriale – Sperimentare Integrazioni

L’applicazione del metodo Delphi

Nel 2016, Domenico De Masi, ha applicato il cosiddetto “metodo Delphi”, coinvolgendo alcuni studiosi in una ricerca sul futuro di una specifica grande realtà metropolitana, su come si sarebbe evoluta, con quali reali possibilità, esaminando la storia degli ultimi anni.
Recentemente “The Italian Institute for the Future” ha organizzato quattro incontri sulle “utopie del domani”: L’ultimo riguardava proprio il futuro dei nostri habitat e si è svolto contemporaneamente al “Cop22”, la Conferenza Mondiale sul Clima a Marrakesh, che ha proseguito con determinazione nelle azioni tese a ridurre le emissioni nocive ed alla sostenibilità energetica.
Architettura e urbanistica hanno forte ruolo su questi temi, incidono sul nostro futuro, sulla sicurezza, sul benessere, sulla felicità: “Progettare futuro” qui significa allora domandarsi “quale futuro” con sperimentazione di integrazioni spinte, essenzialità delle relazioni, visione sistemica.
Oggi abbiamo urgenza di riaggregare, di individuare nuove ed idonee forme di mobilità, di costruire reti di luoghi di condensazione sociale, che consentano di progettare il futuro e di “ricivilizzare l’urbano”.

Articolo completo si trova nell'edizione 101/102 del 2017 alle pagine 3.

Condividi

Vuoi leggere l'intero articolo o tutta la rivista?

Puoi acquistare l'edizione n. 101/102 direttamente da qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato con i nostri eventi, attività e sconti.